Intervista a Grady Booch su UML

InfoQ ha pubblicato un’intervista a Grady Booch, uno dei principali autori di UML (Unified Modeling Language – la notazione standard per rappresentare i sistemi software).

L’intervista tocca vari temi, tra cui lo sviluppo iterativo e agile, UP, XP, Scrum, linguaggi di programmazione – ma buona parte è dedicata a UML, alla sua diffusione, ai suoi vantaggi e limiti, alla sua evoluzione nel corso dei due decenni trascorsi dall’idea iniziale a oggi.

Tra le osservazioni di Booch, il fatto che il 20% di UML è sufficiente nell’80% dei casi; che la diffusione di UML non ha mai superato il 20% delle realtà che sviluppano software (a parte il mondo real time, dove le percentuali sono superiori); che l’uso di UML come linguaggio di programmazione è molto diverso da ciò che i suoi autori intendevano.

Per i curiosi, può essere interessante confrontare l’intervista del 2014 con le risposte che mi diede nel 1998, poco dopo la pubblicazione di UML.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *