Il software e il gatto di Schrödinger

Solo quando il software viene effettivamente usato dagli utenti possiamo sapere se a loro va bene o no. Ovvio, no?

Tutte le attività di testing che facciamo prima del rilascio, comprese quelle di far usare il sistema a “utenti proxy” (cioè non agli utenti reali, ma a persone che vorrebbero rappresentare gli interessi degli utenti reali), non ci possono dare la certezza del fatto che il software sarà davvero apprezzato.

Possiamo fare ipotesi, speculazioni, ragionare in termini di probabilità. Ma la realtà verrà fuori solo dopo il rilascio.

Elisabeth Hendrickson ne parla in “What Software Has in Common with Schrödinger’s Cat”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *